Sicily News - Newsmagazine Siciliano
cerca in:
 

    NEWS DALLA SICILIA

       · Cronaca (213)
       · Cultura (203)
       · Economia (15)
       · Elezioni (34)
       · Feste e Sagre (116)
       · Gastronomia (70)
       · Internet (19)
       · Lavoro (10)
       · Movida Siciliana (100)
       · Musica (1)
       · Politica (4)
       · Racconti Siciliani (5)
       · Scienza (2)
       · Spettacolo (100)
       · Sport (21)
       · Tecnologie (6)
       · Turismo (117)


    EVENTI IN SICILIA

       · Arte (0)
       · Cinema (0)
       · Concorsi Fotografici (0)
       · Cultura (0)
       · Danza (0)
       · Eventi Fotografici (0)
       · Feste e Sagre (0)
       · Fiere (0)
       · Gastronomia (0)
       · Meeting e Congressi (0)
       · Mostre Fotografiche (0)
       · Movida Siciliana (0)
       · Musica (0)
       · Sport (0)
       · Teatro e Cabaret (0)


    PROGRAMMAZIONE CINEMA
    DELLA PROVINCIA DI:

       · Agrigento
       · Caltanissetta
       · Catania
       · Enna
       · Messina
       · Palermo
       · Ragusa
       · Siracusa
       · Trapani

Home Page - Sicily News - Newsmagazine SicilianoNewsEventiCinemaLe news più letteAggiungi un articolo o una news
[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

GARIBALDI FU FERITO … DA LOMBARDO E MICCICHE’


Oggi il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, sbarcherà a Marsala e- subito dopo andrà a Calatafimi e a Salemi- per celebrare il 150° anniversario della spedizione dei Mille.



Un avvenimento storico importante per la Sicilia, per l’Italia sul quale, purtroppo pesa- è inutile sottacerlo- un equivoco di natura politica che sarebbe bene chiarire e superare.



Intendo riferirmi agli atteggiamenti e alle dichiarazioni pubbliche dei due massimi esponenti dell’attuale minoranza (Mpa e PdL Sicilia) che governa la regione: il presidente Raffaele Lombardo che, a più riprese, ha definito l’impresa di Garibaldi “un’impostura” e l’on. Gianfranco Micciché, sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri, il quale, nei giorni scorsi a Caltanissetta, si è spinto ad affermare che “Garibaldi ha fatto più danni di Hitler”. Sic!



Come si vede, non si tratta di nostalgici del sanguinoso conflitto indipendentista del dopoguerra, ma di due personalità di governo che vorrebbero creare il “partito del sud” per fare “la rivoluzione” in Sicilia e nel meridione, senza, per altro, specificarne natura e finalità e soprattutto a favore di chi.



La pretesa è quantomeno sospetta, poiché questi signori e i loro sodali, da decenni al governo, l’avrebbero potuta fare la rivoluzione, e non l’hanno fatta, limitandosi ad una gestione clientelare ed affaristica dell’Autonomia.



Da questo fallimento, credo si origini la furia iconoclasta contro il povero Peppino, l’eroe che il mondo ci invidia.



Ma cosa c’entra Garibaldi col disastro attuale della Sicilia? Ovviamente, nulla.



Eppure, statene certi, continueranno ad attaccare anche altri simboli dell’unità nazionale nella speranza che la loro agitazione, per altro storicamente raffazzonata, possa far deviare l’attenzione dei siciliani dai guai in cui è stata cacciata la regione.



Insomma, si gioca a scimmiottare i nemici/alleati della Lega di Bossi e di Borghezio, si lavora per avvelenare il clima di festa e per indebolire lo sforzo per rafforzare l’unità della nazione, per fiaccare lo spirito pubblico dei siciliani.



Che cosa si vuole? Di nuovo il separatismo, la secessione? Attenti. In un momento drammatico come l’attuale questi giochetti potrebbero riaccendere fuochi pericolosi di cui la Sicilia ha già pagato un prezzo altissimo e crudele.



Per fortuna, spero si tratti solo di disdicevoli espedienti propagandistici, non tali, comunque, da frastornare i sentimenti più autentici dei siciliani, residenti ed emigrati, che sono cresciuti nel culto delle gesta eroiche di quell’esercito formato di volontari garibaldini, che- come ha detto il presidente Napolitano a Genova - “parlavano tutti i dialetti dell’Italia settentrionale” e di decine di migliaia di combattenti siciliani che, nel volgere di poche settimane, hanno liberato la Sicilia e il meridione dal giogo borbonico.



Quando si parla d' impostura, di trucchi, di rapina del tesoro dei Borboni bisognerebbe spiegare come mai furono possibili la formazione di quell’esercito “nazionale”, la rapidità della sua azione vittoriosa, la resa subitanea degli eserciti borbonici.



Evidentemente, i tempi erano maturi per il cambiamento e il Borbone non godeva poi di quel gran consenso popolare che, dopo 150 anni, gli si vorrebbe attribuire.



Certo, riaffermare il valore fondante di quella missione non vuol dire impedire una rilettura, anche critica, di fatti e misfatti che si sono verificati durante e soprattutto dopo l’11 maggio del 1860.



Riflessione che va fatta in sede storica e, possibilmente, da storici titolati e non da politici interessati a intorbidire le acque per inconfessabili finalità di potere.



Chi oggi, da posizioni di governo, agita la bandiera della mancata unità economica dell’Italia (ovviamente reale e drammatica per il meridione) dovrebbe, in primis, spiegare cosa ha fatto o sta facendo per colmare il grave divario.



E magari andarsi a (ri) leggere le analisi dei meridionalisti del secolo scorso e in particolare quella di Antonio Gramsci il quale scrisse di un “patto scellerato” fra industriali del nord e latifondisti e affaristi politici del sud.



Una rilettura, forse, imbarazzante poiché molti di questi agitatori si potrebbero rivedere riflessi negli identikit tracciati dall’analisi gramsciana.



E qui mi fermo, per ragioni di spazio e di opportunità.



Quel che oggi di più preme ai siciliani è dare il benvenuto e rivolgere un saluto deferente al Presidente della Repubblica che rappresenta e interpreta il senso vero e solidale dell’unità della nazione.



Il fatto che una parte della visita ufficiale si svolga a Salemi, città dove fu proclamata la Dittatura di Giuseppe Garibaldi, accresce l’importanza dell’avvenimento e rende merito al sindaco, Vittorio Sgarbi, il quale, da non siciliano, offre una lezione di stile e di concetto a quei siciliani che vorrebbero revisionare la nostra storia senza averne titoli e soprattutto validi argomenti.



Agostino Spataro



* Pubblicato, con altro titolo, in “La Repubblica” del 11 maggio 2010

vai al sito web dell'evento

News inserita il 14/05/2010 da Associaz.cult. teatrale LEDIMIGI
nella categoria Cronaca
Sei il lettore numero 17917 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (0) | commenta questa news ]

Cronaca | Cultura | Economia | Elezioni | Feste e Sagre | Gastronomia | Internet | Lavoro | Movida Siciliana | Musica | Politica | Racconti Siciliani | Scienza | Spettacolo | Sport | Tecnologie | Turismo |



Le Ultime News

SPECIALE CAPODANNO 2013: TUTTI GLI EVENTI DELLA NOTTE DI CAPODANNO, CON CENONE, DISCOTECA, PERNOTTAMENTO, LE FESTE TRA CATANIA, SIRACUSA, TAORMINA...

SPECIALE PONTE DEL PRIMO MAGGIO 2012 NEI VILLAGGI TURISTICI DI SICILIA: RELAX, BENESSERE, E DIVERTIMENTO, EVENTI GIOVANILI CON ANIMAZIONI, SPORT, E SERATE IN DISCOTECA.

SPECIALE CAPODANNO 2012: COSA FARE LA NOTTE DI CAPODANNO? ECCOVI TUTTI I CENONI CON VEGLIONE DOPOCENA, E DISCOTECA FINO ALL'ALBA, LE FESTE TRA CATANIA, SIRACUSA, TAORMINA...

SPECIALE VACANZE E PONTI DI PRIMAVERA (25 Aprile - 1 Maggio - 2 Giugno) NEI VILLAGGI TURISTICI DI SICILIA, TUTTI GLI EVENTI CON FORTE TRAINO GIOVANILE

SPECIALE 8 MARZO 2011: FESTA DELLA DONNA & CHIUSURA CARNEVALE, TUTTO IN UNA NOTTE. GLI EVENTI CON CENA, STREEPTEASE MASCHILE, E DISCO PARTY DI CARNEVALE DOPO LA MEZZANOTTE.

BORGES, VIAGGIO NELLA SICILIA DEL MITO

Inaugurazione della mostra di Elide Triolo Il primo gradino

SPECIALE NOTTE DI FERRAGOSTO 2010, TUTTI GLI EVENTI IN SPIAGGIA O A BORDO PISCINA DA VIVERE IN COMPAGNIA, TRA CATANIA E TAORMINA

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI TANGO DELLA SICILIA - dal 10 al 16 agosto

Turismo - La Sicilia protesta

   
Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.

Note legali, Cookie Policy e Privacy - 01194800882 - Realizzazione: Studio Scivoletto